Iperico a cosa serve: coltivazione, antidepressivo ed effetti collaterali

Iperico a cosa serve

Oltre a d essere una bellissima pianta da giardino l’iperico a cosa serve?

Una pianta conosciutissima per le grandi proprietà antidepressive che consigliamo di utilizzarla sotto il consiglio di un medico o di un naturopata professionista.

Iperico a cosa serve e come si usa l’antidepressivo naturale

L’erba di San Giovanni è stata recentemente uno dei mezzi terapeutici più popolari che possono essere facilmente trovati nei negozi di alimenti naturali in varie forme, come capsule, estratti liquidi, oli, unguenti e altri.

Iperico antidepressivo naturale non è, tuttavia, un nuovo aiuto farmaceutico. L’erba ha uno sfondo lungo e particolare come antidepressivo, antisettico, antinfiammatorio, espettorante e tonico per il sistema immunitario, utilizzato per le sue proprietà lenitive.

In effetti, alcune delle precedenti relazioni sull’uso delle erbe provengono dall’erborista greco del I secolo d.C., Pedanios Dioskourides, nonché dai suoi medici contemporanei, rispettivamente greci e romani, Galinos e Plenius.

Nel trattato, Paracelso , il famoso alchimista e medico svizzero, è stato anche menzionato per usare l’erba di iperico antidepressivo naturale. Gli storici ritengono che il nome dell’erba di iperico antidepressivo naturale gli fosse stato dato dai primi cristiani, i quali notarono che il fiore della pianta era il 24 giugno, il compleanno di San Giovanni Battista, che era stato decapitato.

Nei nostri tempi, e principalmente negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Germania, l’erba di San Giovanni è stata ampiamente utilizzata per il trattamento della depressione lieve e moderata. Secondo i ricercatori, l’erba di iperico antidepressivo naturale ha un’azione equivalente all’amitryptillina, alla fluoxetina e alla maprotilina ed è chiaramente più attivante del placebo. Protocolli sperimentali sono stati anche in corso sull’azione terapeutica dell’erba di iperico antidepressivo naturale contro le malattie dei nostri tempi, come il cancro, l’AIDS e l’epatite.

Secondo quello che è ampiamente supportato, il St. John ‘ Il mosto di s è considerato un ponte tra la medicina convenzionale e quella alternativa. Anche la farmacodinamica dell’erba di iperico antidepressivo naturale e la farmacocinetica sono state ampiamente studiate.

Raccomandazioni sull’Iperico effetti collaterali. Consigliamo nel caso di Effetti collaterali consultare il proprio farmacista o medico.

Coltivazione iperico a cosa serve la cura della pianta

iperico pianta dove si trova in Italia. Iperico è un gruppo di circa 400 piante, ma solo alcune di loro sono comunemente coltivate nel SUD Italia. tuttavia iperico pianta dove si trova visto che è il più comune del gruppo che produce masse di fiori gialli di media grandezza da luglio ad agosto. È sempreverde nella maggior parte degli inverni e forma un arbusto a forma di cupola che è estremamente facile da curare.

Le origini di dell’Iperico (noto anche come erba di San Giovanni) non sono noti perché ora è così comune in quasi tutte le parti del mondo. In alcune parti sono considerate erbacce.

Usa la lista di controllo qui sotto per decidere se la coltivazione dell’iperico e cura è la pianta giusta per te e il tuo giardino:

Crescono a un’altezza massima di 1,5 m / 5 piedi e una diffusione leggermente più grande.

Le foglie verdi sono normalmente sempreverdi, anche se negli inverni rigidi possono essere lasciate cadere per un paio di mesi.

A luglio producono un grande numero di fiori gialli di media grandezza che durano fino a metà agosto. Un secondo colore spesso si verifica tra fine agosto e inizio settembre, ma raramente equivale a molto.

Crescono meglio in ombra parziale e tollerano bene l’ombra e il pieno sole.

Crescono bene in quasi tutti i tipi di terreno, ma evitano quelli altamente acidi o alcalini.

Le piante stabilite non richiedono attenzione se non una prugna annuale da modellare. Questo può essere fatto con un tagliasiepi o un paio di cesoie.

Sono resistenti fino a -12 ° C, quindi dovrebbero sopravvivere bene in inverno per quasi tutte le aree dell’Italia.

Possono essere coltivati ​​in contenitori ma questo non è il loro ambiente ideale.

Pertanto possiamo definirla come iperico pianta da giardino ottima coltivabile anche in vaso.

Alcune parti della pianta possono causare problemi se mangiate. Alcune persone li usano per combattere la depressione, ma prima di farlo chiedi consiglio al medico.

Non è richiesta alcuna conoscenza specialistica per farli crescere e raramente sono colpiti da parassiti o malattie.

Come coltivare l’iperico

Seguire i passaggi sottostanti per assicurarsi che Hypericum ‘Hidcote’ sia stato piantato correttamente:

Scegli una posizione in ombra parziale per ottenere i migliori risultati, ma sono davvero arbusti adattabili per l’ombra e il pieno sole. Possono essere piantati in condizioni di terreno eccetto condizioni estremamente acide o alcaline.

Questo è un arbusto a crescita rapida che può crescere di circa 40 cm in altezza e larghezza ogni anno. Lasciare uno spread di almeno 1,5 m / 5 piedi quando è pieno.

Può essere piantato tutto l’anno se il terreno non è ghiacciato e si può annaffiare bene quando le condizioni sono asciutte. Da metà marzo ad aprile e da metà settembre a ottobre sono i periodi migliori per piantare.

Scava un buco due volte la larghezza del rootball. Cospargere una manciata di sangue, pesce e ossa e lavorare nel terreno.

Posiziona la pianta nella buca, riempiendola con il terreno in modo che sia alla stessa profondità della pentola. Riempi intorno alla zolla e fissa il terreno delicatamente ma con decisione. Acqua per sistemare il terreno circostante attorno al rootball.

Prendersi cura dell’Iperico a cosa serve

Quando viene piantato l’iperico prendersi cura di se stesso. Non c’è bisogno di nutrirli a meno che il terreno non abbia un basso contenuto di nutrienti. Né è necessaria l’irrigazione se non in caso di grave siccità. La natura dura di questi arbusti è ben compresa dai giardinieri comunali del paesaggio, la cui unica cura, se esiste, è una prugna annuale.

Per le piante più giovani fino a due anni, acqua se le condizioni diventano secche. Una doppia alimentazione annuale con sangue, pesce e ossa in primavera e autunno aiuterà a stabilire un buon apparato radicale. Mantenere l’area intorno alla base della pianta libera da erba ed erbacce. Foglie chiare e altri detriti che cadono su di loro. Non ci sono parassiti o malattie comuni di questa pianta.

L’perico fiorisce su steli che non hanno prodotto gemme nell’anno in corso e il consiglio standard è di potarlo all’inizio della primavera, a marzo. Ciò si tradurrà in fiori che compaiono una settimana o più tardi di quanto farebbero se l’arbusto non fosse affatto potato.

Tuttavia, noi potiamo sempre le nostre a fine estate all’inizio dell’autunno, quando i fiori non vengono più prodotti. Questo sembra funzionare meglio rispetto alla potatura primaverile, con i fiori prodotti leggermente prima ma altrettanto buoni. I germogli non si formano sui nuovi germogli, che cresceranno dopo la potatura, fino al prossimo anno.

Il metodo di potatura è semplice, usa qualsiasi attrezzo che hai (usiamo un tagliasiepi) e tagliato a forma. Non è più complicato di così, qualunque sia la dimensione della pianta. Gli iperici consolidati crescono rapidamente dopo la potatura, quindi fai un po ‘più di quanto potresti pensare. Un iperico consolidato può essere ridotto a un livello di altezza e larghezza senza alcun rischio di danneggiarlo.

Iperico sono resistenti al gelo fino a -12 ° C che raramente si incontrano nel Regno Unito. Tuttavia una combinazione di temperature sub zero prolungate, neve e vento può causare danni significativi alle foglie sempreverdi.

L’immagine qui sotto è interessante perché mostra foglie marroni e morte sulla maggior parte dell’iperico nel nostro giardino con solo il lato destro (protetto dal vento dalla vicina albero sempreverde) che mostra ancora foglie verdi. Quando guardiamo gli iperici nella nostra proprietà, e ce ne sono molti, tutti mostrano danni simili.

La cura dell’iperico da danni da gelo

Nel tardo inverno del 2018 le temperature sono scese nella nostra zona a un minimo di -7 ° C e per molti giorni sono rimaste sotto lo zero anche durante il giorno. Allo stesso tempo c’erano forti venti e neve pesante e prolungata. Ciò ha provocato la maggior parte delle foglie diventando marrone e morendo. Esattamente lo stesso danno si è verificato a tutti gli iperici della nostra proprietà.

Molte persone mi hanno mandato un’email per chiedere se i loro iperici fossero morti. Abbiamo esaminato da vicino le nostre un paio di settimane dopo il verificarsi del danno. L’immagine ravvicinata in basso mostra che il danno sembrava peggiore di quanto non fosse in realtà.

I due steli sopra mostrano che la ricrescita del fogliame si sta verificando anche se solo in alcuni punti. Ma tutti gli steli hanno chiari segni di germogli vitali e vitali che presto germoglieranno nuove foglie. Così, il 28 marzo, nonostante il nostro iperico sembrasse una causa persa, in realtà ha tutte le possibilità di riprendersi completamente! Pubblicheremo un’altra immagine alla fine di aprile per mostrarvi come è andata avanti.

 

Leggi anche Iperico pianta da giardino

× Ciao, come posso aiutarti