Post in evidenza

Come aprire uno studio di Naturopatia con Natural System

Cos’è la naturopatia tradizionale ?

Lavorare come naturopata

 

 

 

 

 

 

 

La naturopatia è una filosofia che racchiude una visione della vita, un modello per vivere una vita piena. La parola naturopatia è un ibrido latino-greco che può essere definito come “essere vicino o beneficiare della natura”.  – Stewart Mitchell, Naturopatia: Capire il potere curativo della natura
Leggi tutto “Come aprire uno studio di Naturopatia con Natural System”

eneurimsi

Consistono in un rigonfiamento anomalo di un vaso arterioso.

Cause:

– Ehlers-Danlos

– Infezioni micotiche, sifilide, TBC

– Vasculite di Takayasu

– Morbo di Behçet

– LES (lupus eritematoso sistemico)

Falsi aneurismi o pseudoaneurismi: conseguenti la rottura di un vaso sanguigno. Si forma un ematoma delimitato da tessuto connettivo peri-avventiziale e connesso al lume del vaso attraverso un orifizio posto a livello del punto di rottura (simula una dissezione).

Gli aneurismi si formano per colpa di un cedimento dell’avventizia vascolare, a seguito di un’alterazione del collagene. Nell’addome l’avventizia dei vasi addominali ha poche lamelle elastiche e pochi vasa vasorum, per questo è più facile che l’aneurisma si forma qui. La parete si assottiglia, il lume si dilata riducendo la resistenza vascolare.

L’aneurisma è causa di stasi di sangue e di trombi.

Sintomi:

– dolore intenso come una pugnalata

– sintomi da compressione aneurismatica (in addome o nel torace): nausea, ittero, tosse, disfagia, dispnea (+ sintomi urinari non sempre presenti), paralisi del nervo laringeo ricorrente e reucedine se c’è compressione del vago.

– erosione duodenale (negli aneurismi addominali): sanguinamento intermittente o emorragia massiva interna, emottisi, ematemesi

– trombosi

Segni:

– presenza di massa pulsante addominale o soffio addominale
– stiramento del peritoneo a causa della dilatazione aneurismatica
– shock in seguito a fissurazione o rottura dell’aneurisma

Terapia

Gli aneurismi sacciformi portano rischio di rottura.

Motivi per il cui il paziente non va operato:

– età avanzata

– patologie cardiache

– patologie polmonari

– patologie renali

In caso di aneurisma toracico bisogna intervenire immediatamente solo se il diametro > 5, 5 cm perché al di sotto di queste dimensioni il rischio di rottura è solo 1%, ma negli aneurismi addominali > 5 cm di diametro il rischio è fra il 25 e il 40%. Inoltre, le dimensioni possono aumentare nel tempo, quindi si suggerisce di operare se la crescita dell’aneurisma è > 1 cm/anno.

Interventi possibili:

– CHIRURGIA TRADIZIONALE: soprattutto negli neurismi toracici. Biosgna inserire una protesi.

– CHIRURGIA LAPAROTMICA: una variante è l’accesso retroperitoneale, oppure l’incisione trasversale

– CHIRURGIA LAPAROSCOPICA: video-assisted

– TECNICA ENDOVASCOLARE: inserimento di endoprotesi o stent autoespansibile con accesso inguinale.

Complicanze:

– infezione

– occlusione

– embolizzazione

– ischemia

– endoleak nella chirurgia endovascolare: esclusione imperfetta dell’aneurisma dal circolo sanguigno, per cui la sacca può rifornirsi di sangue.

× Ciao, come posso aiutarti